Crescente pressione sulla pubblicità esterna e sugli alimenti!

Conclusione: sessione invernale
Dopo il Consiglio nazionale nella sessione autunnale, nella sessione invernale anche il Consiglio degli Stati ha approvato una mozione sull’ordinanza sull’indicazione dei prezzi che semplifica l'autocomparazione. KS/CS si è adoperata per questa mozione dato che anche le grandi aziende avevano difficoltà con le norme in vigore. Ora è stata fatta chiarezza. Un cappotto autunnale invenduto, per esempio, ora può essere venduto più facilmente a un prezzo inferiore.

Il lavoro politico rimane importante
Da parte di KS/CS, durante il 2023 abbiamo sostenuto otto iniziative legate alla pubblicità trattate dal Parlamento federale. Le due Camere hanno seguito i suggerimenti di KS/CS, cosicché le relative decisioni hanno sempre favorito l'industria pubblicitaria. Questo conferma il posizionamento del nostro lavoro politico per il quale continueremo batterci.

Crescente pressione sulla pubblicità esterna e sugli alimenti
La pressione sulla pubblicità esterna sta aumentando a livello comunale. Ad esempio, il consiglio comunale di Berna ha approvato un postulato a favore di un divieto di pubblicità per i viaggi aerei e per le automobili come sostanziale. E a Zurigo, il consiglio comunale vuole spegnere tutti i cartelloni digitali commerciali. Seguono varie iniziative a livello federale, ad esempio:

  • Postulato 22.4109, Assicurare il valore aggiunto nell'agricoltura. Niente marketing con offerte di carne a basso costo
  • Postulato 23.3149, Dichiarazioni ambientali nella pubblicità. Analizzarne le basi per migliorarne la regolamentazione

Sempre più sovente, le autorità che bandiscono concorsi cercano di limitare la libertà della pubblicità esterna già nella fase di appalto delle licenze e di escludere completamente dalla pubblicità alcuni prodotti oppure interi settori. In questo modo aggirano la via politica.

Inoltre, quest'anno è stata annunciata una revisione della legge sui prodotti alimentari, che prevede restrizioni alla pubblicità. La pubblicazione del disegno di legge è prevista per la prima metà del 2024. Da parte di KS/CS ci siamo già preparati e sosterremo il processo politico con un gruppo di progetto politico al fine die salvaguardare la libertà di pubblicità.

Consigli pratici sull'uso dell'intelligenza artificiale nella pubblicità
L’intelligenza artificiale (IA) è una nuova sfida anche per il settore dei media e della pubblicità. Per dare un sostegno ai nostri membri in caso di incertezze sull'uso dell'IA, la responsabile dei servizi giuridici di KS/CS, Fanny Rocchi ha redatto una guida che è già, disponibile sul nostro sito web. Questa guida illustra gli aspetti da tenere in considerazione quando si utilizza l'IA nella pubblicità. È destinata principalmente alle agenzie di comunicazione e agli inserzionisti e sarà aggiornata continuamente.

Questa settimana abbiamo incontrato per l'ultima volta quest'anno i membri del gruppo parlamentare «Mercato e pubblicità». Abbiamo affrontato questioni giuridiche che ci metteranno alla prova l’anno prossimo. La pressione politica sulla pubblicità aumenterà ed intensificheremo i nostri sforzi a favore della libertà pubblicitaria.


Aspetti legali dell'uso dell'IA nella pubblicità in Svizzera

Alla fine di questo articolo troverete una versione scaricabile in PDF dei consigli pratici di KS/CS.
Quando si utilizza l'IA, è importante distinguere tra i seguenti processi: "input" di dati (l'addestramento dei sistemi di IA) e "output" di contenuti generati dall'IA (il risultato dell'IA; ad esempio immagini, testi, ecc.). 


Input - introdurre contenuti in un sistema di intelligenza artificiale

1. Prima di introdurre contenuti di IA (ad esempio, dati personali, dati aziendali, testi, immagini), chiarite quali diritti sono legati ai dati e se i sistemi di IA possono essere "aggiunti" / "addestrati" con questi dati.

2. I titolari dei diritti devono dare il loro consenso quando dati o risultati di lavori protetti (ad esempio, dati personali, opere protette da copyright, ecc.) vengono utilizzati ed elaborati per la generazione di contenuti di IA.

  • Esempio: un logo esistente deve essere rinnovato per un cliente. A tal fine, il logo esistente viene inviato a un sistema di IA per essere rielaborato.

3. Se i dati personali sono trattati in sistemi di IA, è possibile che ciò richieda un’ informazione preventiva o il consenso degli interessati (lo scopo del trattamento dei dati deve essere riconoscibile per l'interessato).

  • Esempio: il database dei clienti di un'azienda viene utilizzato per generare offerte su misura e testi personalizzati per ogni cliente grazie all'IA.

Output - utilizzo di contenuti generati dall'intelligenza artificiale

1. Gli elementi protetti legalmente (immagini, loghi, ecc.) utilizzati come base sono ancora riconoscibili nell'output dell'AI?

    • Se sì: è probabile una violazione della legge. Ciò avviene sempre quando le caratteristiche dell'elemento utilizzato come base rimangono riconoscibili nonostante la trasformazione effettuata dall'IA. In questo caso, c'è il rischio di violare i diritti di proprietà intellettuale in questione (ad esempio, i diritti d'autore o di marchio).
      Esempio: occorre creare un poster pubblicitario per una stazione sciistica. A tal fine, viene generata un'immagine con l'IA che mostra Barbie che scia lungo una pista sotto il sole. L'immagine generata dall'IA mostra i seguenti elementi: pista da sci, Barbie e sci. Dobbiamo determinare se gli elementi originali con cui il sistema di IA è stato originariamente "aggiunto" sono ancora riconoscibili. In questo esempio, gli elementi da verificare sono la foto originale della pista da sci, gli sci (è ancora riconoscibile una marca di sci?) e la foto di Barbie. Nel caso di questi ultimi due elementi, c'è il rischio non solo di violazione del copyright, ma anche di violazione del marchio (marca di sci/Mattel/Barbie).
    • In caso di risposta negativa: attualmente l'opinione prevalente è che non vi sia alcun diritto d'autore nell'output meccanico, il che significa che i risultati possono essere utilizzati dal punto di vista del diritto d'autore. . Tuttavia, si raccomanda cautela: non solo l'elaborazione di un elemento legalmente protetto, ma anche l'output può, a seconda delle circostanze, violare i diritti (ad esempio, l'elaborazione di un'immagine protetta dal diritto d'autore; il logo generato dall'intelligenza artificiale simile a un marchio protetto, lo sfruttamento di una prestazione d’altri, ecc.).
      Esempio: la bambola Barbie, sotto varie forme, è un marchio protetto che rimane regolarmente riconoscibile anche se il risultato dell'IA viene trasformato. Se Barbie viene utilizzata per la pubblicità, ad esempio, c'è il rischio di violare i diritti di marchio e le disposizioni sulla concorrenza sleale.

2. Verificare i termini di utilizzo o le condizioni generali del sistema di IA: i risultati possono essere utilizzati anche per scopi commerciali? È necessario acquistare delle licenze? Il sistema di IA desidera essere citato come generatore?

3. Nel caso di lavori commissionati da agenzie pubblicitarie per i clienti, al momento dell'utilizzo dell'IA il cliente deve essere informato se e in che misura sono stati creati diritti (ad esempio, diritti d'autore) sul risultato del lavoro. In questo contesto, va anche sottolineato che non si può escludere che l'uso dei risultati del lavoro possa violare i diritti di terzi. Ciò potrebbe influenzare la realizzazione del contratto (concessione di diritti esclusivi sì/no) o anche il compenso. Suggerimento: invece di ottenere diritti esclusivi sui risultati dell'IA, sarebbe possibile imporre ai clienti un impegno di riservatezza sulle istruzioni inserite nel sistema AI.

  • Esempio: avete creato un nuovo concetto pubblicitario per un cliente utilizzando l'IA, ne avete sviluppato alcune parti da soli e altre le avete prese da un sistema di IA.:
      • Verificare se i risultati dell'IA possono essere ulteriormente elaborati e a quali condizioni i risultati dell'IA possono essere utilizzati per scopi commerciali (consultare le linee guida per l'utilizzo dei sistemi di IA).
      • Verificare che le parti dell'IA non violino i diritti di terzi (processi protetti, testi, segni, loghi, immagini).
      • Informare il cliente che l'IA è stata utilizzata nell'elaborazione del risultato del lavoro (menzionando il sistema) e indicare quale parte del risultato dell'IA è coinvolta.
      • Indicare che non è possibile ottenere diritti esclusivi sui risultati dell'IA.

4. Rispettare anche i principi generali in vigore:

  • Trasparenza e tracciabilità: per quanto possibile, indicare per quali passaggi di testo, immagini, processi decisionali, ecc. è stata utilizzata l'IA. Indicare, ad esempio, con una frase del tipo "generato dall'IA".
  • False informazioni/manipolazione: nessun inganno, nessuna falsa informazione rilevante per il mercato, nessuna violazione del libero arbitrio da parte dei contenuti generati dall'IA.
  • Uso responsabile dell'IA ed esame critico del risultato dell'IA: c'è, ad esempio, un attacco alla personalità/un attacco all'onore/una violazione dei diritti fondamentali o un attacco alla decenza (discriminazione/etica)?
  • Rispettare la legge generale contro la concorrenza sleale nella pubblicità (ad es. sfruttamento di lavori di terzi, metodi pubblicitari sleali, ecc.)
  •  

5. Responsabilità: se l'uso dell'IA viola il diritto d'autore, altri diritti di proprietà intellettuale, i diritti della personalità, i diritti fondamentali, la legislazione sulla protezione dei dati, la legislazione sulla concorrenza sleale o le disposizioni del diritto penale, l'azienda/l'utente può essere ritenuto responsabile.


Altri esempi e domande relative all'argomento

  • In che misura un risultato dell'IA deve essere modificato perché si crei un'opera protetta dal diritto d'autore? Per rispondere a questa domanda, è necessario fare riferimento ai principi generali del diritto d'autore (opera di seconda mano). Occorre distinguere se il risultato dell'IA è stato semplicemente trasformato o se è stato rielaborato. Nel caso di una semplice trasformazione del risultato dell'IA, il diritto d'autore si applica solo alla parte trasformata. Secondo la legge sul diritto d'autore, la trasformazione richiede il consenso dell'autore dell'opera modificata. Per i risultati dell'IA, ciò significa che gli autori delle opere originali devono dare il loro consenso (se le opere originali sono ancora riconoscibili) e/o che il sistema di IA deve acconsentire alla trasformazione dei suoi risultati. Tuttavia, se il risultato dell'IA serve solo come ispirazione e ne deriva una creazione umana completamente nuova, si tratta di una nuova concezione e quindi di un'opera che beneficia della protezione del copyright. È importante che la nuova concezione non permetta più di riconoscere l'opera originale.
  • Se elaboro immagini con Photoshop o faccio riformulare i miei testi da un programma di IA, a cosa devo fare attenzione? Le spiegazioni di cui sopra si riferiscono all'IA generativa, che genera i risultati dell'IA da zero, mentre l'utente si limita a inserire parole chiave insieme alle istruzioni (chiamate "prompt"). Se i vostri testi o le vostre immagini vengono modificati da programmi assistiti dall'IA, il diritto d'autore su tali immagini e testi non viene generalmente intaccato da correzioni, ritocchi, effetti o modifiche stilistiche. In linea di massima, è necessario rispettare i termini e le condizioni generali e, se del caso, le linee guida sul copyright degli strumenti utilizzati. Tuttavia, non appena uno strumento IA crea un testo o un'immagine completamente nuovo senza l'intervento di processi decisionali e di pensiero umani, è necessario rispettare i consigli pratici di cui sopra.

Aprite la versione PDF qui!

Destinatari: Questi consigli pratici sono rivolti principalmente alle agenzie di comunicazione e agli operatori della pubblicità che utilizzano nei loro servizi i risultati di lavori sviluppati con l'aiuto dell'IA generativa.

Questi sono solo alcuni suggerimenti sulla situazione attuale - teniamo l'orecchio teso e non vediamo l'ora di vedere come si sviluppa questo argomento!


Lavoriamo per una libertà economica e pubblicitaria

Da parte di KS/CS Comunicazione Svizzera siamo soddisfatti che le nostre posizioni politiche riscontrino attenzione da parte di molti parlamentari che spesso sostengono con vigore la libertà economica e pubblicitaria. Molte delle nostre raccomandazioni sono state accolte favorevolmente e sono entrate a far parte delle decisioni dei consigli.

Attuare la volontà popolare: sì, ma non di più!
Ancora prima della pausa estiva, la Commissione della Sicurezza Sociale e della Sanità del Consiglio degli Stati (CSS-S) ha consultato le associazioni interessate sull'attuazione della cosiddetta iniziativa sul tabacco. In questa audizione, da parte di KS/CS abbiamo riaffermato di accettare l’esito della votazione del 13 febbraio 2022 chiedendo però fermamente che le disposizioni dell'iniziativa siano attuate correttamente. Tuttavia, il Consiglio federale ha inserito nella sua proposta ulteriori disposizioni che oltrepassano le decisioni del voto popolare. KS/CS si è schierata contro queste proposte assai discutibili anche sotto punti di vista di gestione politica. La Commissione e il Consiglio degli Stati hanno parzialmente seguito le nostre raccomandazioni. Secondo il Consiglio degli Stati, la promozione delle vendite dei prodotti del tabacco deve rimanere consentita anche in futuro, a condizione che non sia rivolta a bambini e adolescenti. Il Consiglio degli Stati non vuole inoltre che l'industria del tabacco debba rendere note le proprie spese pubblicitarie. D'altra parte, vuole che la pubblicità del tabacco nelle riviste sia vietata, anche se la maggior parte di essa è diretta agli adulti. L'attuale CSS-S si occuperà della questione a novembre, prima che venga affrontata dal nuovo Consiglio eletto.

Lo zucchero sta diventando il nuovo tabacco?
A luglio, l'Ufficio federale per l'agricoltura e l'alimentazione (UFAG) ha annunciato l'intenzione di rivedere e aggravare la legge sugli alimenti in occasione di un evento dedicato a questo argomento. Si tratta della fine di un processo di autoregolamentazione dell'industria durato un anno, che secondo l'Ufficio federale ha portato a risultati troppo scarsi. Ciò significa che prodotti alimentari come il cioccolato o il formaggio rischiano di essere sottoposti a un processo di regolamentazione che non può che sfociare in divieti e proibizioni. KS/CS si batterà contro questa situazione nell'ambito del suo gruppo di lavoro sull'alimentazione.

Chi decide cosa può essere pubblicizzato?
La pubblicità esteriore è sempre sotto pressione. All'inizio di quest'anno, nella città di Ginevra si è tenuto un referendum sullo «Zéro Pub». Con grande sforzo comune, il referendum contro questo divieto di pubblicità nelle aree urbane è stato vinto! Nella città di Berna, il legislatore ha approvato un postulato che chiede di vietare la pubblicità esteriore per i viaggi aerei e per le automobili sul suolo pubblico. Anche la città di Vevey ha deciso di vietare la pubblicità esteriore negli spazi pubblici a partire dal 2025. Insieme all'Associazione per la pubblicità esteriore, da parte di KS/CS stiamo chiarendo fino a che punto un'autorità che rilascia licenze per la pubblicità esteriore può escludere i settori economici dalla pubblicità e in quale momento tali decisioni violano la pubblicità e quindi i settori economici. Questi chiarimenti sono in corso e ne riferiremo costantemente i risultati.

Uno sguardo sulla sessione autunnale

  • La mozione 21.4530 «Trasparenza nella pubblicità politica sui social media» è stata respinta con successo dal Consiglio nazionale.
  • Anche la mozione 21.4616 «Stop allo spreco di energia per l'illuminazione notturna di vetrine e pubblicità» è stata respinta con successo dal Consiglio nazionale.
  • Il Consiglio degli Stati ha discusso l'affare 23.049 Legge sui prodotti del tabacco (LPTab) del Consiglio federale, dove KS/CS ha sostenuto diverse mozioni.

Forum dei media romandi
Circa 100 professionisti dei media e della comunicazione si sono incontrati il 19 settembre a Losanna per una stimolante edizione del «Forum des Médias Romands». La tavola rotonda conclusiva ha dato vita a un vivace dibattito sulle ragioni del calo più marcato degli introiti pubblicitari nella Svizzera francese rispetto alla Svizzera tedesca, ma anche sulle possibili soluzioni prese in considerazione dalle agenzie pubblicitarie e dai marketer. La vicinanza ai clienti pubblicitari sembra quindi essere una carta vincente da non trascurare quando la crisi economica aumenta la pressione sui media.

Notizie dalla Commissione per gli esami
Per la prima volta, la commissione d'esame KS/CS ha condotto gli esami annuali degli specialisti della comunicazione con l'ausilio di computer portatili, un'iniziativa molto apprezzata dai partecipanti all'esame e dagli esperti. Un importante progresso nel 2023 è stato il completamento dell'esame professionale superiore per manager della comunicazione, in modo che gli esami possano svolgersi con il nuovo regolamento d'esame a partire dal 2024. Gli effetti dell'intelligenza artificiale sui profili professionali nel settore della comunicazione ci occupano intensamente e sarà necessario un adattamento di entrambi gli esami (specialisti della comunicazione e manager della comunicazione).

Fanny Rocchi nuova nel nostro team
Infine, un caloroso benvenuto: All'inizio di settembre, Fanny Rocchi ha iniziato a lavorare come responsabile del servizio legale di KS/CS. Fanny Rocchi è avvocatessa e partner dello studio legale Schluep/Degen di Berna, specializzato in proprietà intellettuale e diritto della pubblicità. Nel team con noi, segue tutti i processi legislativi ed è a disposizione per consulenze legali. Fanny Rocchi succede al Dr. Marc Schwenninger, che ha lasciato KS/CS e si concentrerà sulle sue attività di insegnamento.

Andate a votare!
Il 22 ottobre 2023 gli elettori svizzeri eleggeranno il nuovo Parlamento federale. Sosteniamo la raccomandazione delle associazioni economiche e vi invitiamo a eleggere parlamentari che si battano per la libertà economica e la libertà di pubblicità, per un sistema giuridico che si basi su cittadini responsabili e che dia loro la massima libertà di scelta dei loro consumi. Perché una società libera come quella che abbiamo in Svizzera è preziosa e ha bisogno di un impegno costante per essere mantenuta.


"Le minacce di divieto di pubblicità possono danneggiare rapidamente la sostanza della nostra economia nazionale"

La pubblicità è un "elemento costitutivo di una concorrenza funzionante", ha detto il consigliere federale Guy Parmelin alla nostra assemblea generale di Berna. Ringraziamo il Ministro dell'Economia svizzero per la sua dichiarazione e ci ispiriamo ad essa nel nostro lavoro associativo. Senza pubblicità non c'è economia che funzioni. E certamente nemmeno esiste concorrenza. Ma piuttosto mancata trasparenza e un volo alla cieca per aziende, consumatori e consumatrici. Siamo d’accordo, ciò non è un'opzione per il nostro Paese.

Tuttavia, anche vietandola la pubblicità rimane presente. Ma chi fa la pubblicità? Il consigliere nazionale Gregor Rutz, presidente del gruppo parlamentare "Mercato e pubblicità", in occasione della nostra assemblea generale ha messo in guardia da un'inversione delle regole. Con restrizioni e divieti sulla pubblicità, alcuni politici cercano prima di tutto di distruggere gli strumenti ben funzionanti dell'economia, privando così i consumatori della possibilità di ottenere informazioni ideali. Per poi fare pubblicità per le proprie imaginazioni e le proprie posizioni restrittive. Noi di KS/CS Comunicazione Svizzera lottiamo ogni giorno contro un simile sviluppo.

Infatti, ciò è urgentemente necessario. L'ultimo esempio è la discussione sul divieto di pubblicità per gli alimenti in Germania. Nella sua nuova proposta di legge, il ministro federale Cem Özdemir vuole vietare anche la pubblicità alimentare rivolta ai bambini, dato che il 15% dei bambini è in sovrappeso (fonte: Robert Koch Institute). Tuttavia, gli studi dimostrano che non esiste un legame chiaramente dimostrabile tra pubblicità e obesità. Se venissero introdotti tali divieti con limiti ufficialmente stabiliti, tutti coloro che lavorano nell'industria pubblicitaria ne risentirebbero: i produttori, gli inserzionisti, le agenzie e i media che vivono di introiti del mondo pubblicitario. Discussioni simili a quelle tedesche sono in corso anche in Svizzera. Esse dimostrano che le minacce di divieto della pubblicità non sono più semplici giochi politici, ma possono danneggiare rapidamente la sostanza fondamentale della nostra economia nazionale. Nel nostro gruppo di lavoro "Alimentazione" ci stiamo occupando intensamente di questo tema.

Siamo rimasti sorpresi dal Consiglio federale, che nella sua proposta di attuazione dell'iniziativa "Sì alla protezione dei bambini e degli adolescenti dalla pubblicità del tabacco" senza mandato va ben oltre il testo dell'iniziativa e il testo della legge sui prodotti del tabacco (LPTab). Nella sua proposta, il Consiglio federale non solo ignora le critiche sollevate nella consultazione, ma anche il testo dell'iniziativa, che è stato accettato dal popolo, e la legge sui prodotti del tabacco, che il Parlamento ha adottato solo nell'autunno del 2021 dopo lunghe deliberazioni e numerosi compromessi. Con la sua proposta, il Consiglio federale sta attuando la propria agenda, che sembra essere più in linea con i requisiti dell'OMS che con l'ordinamento giuridico svizzero. Questo approccio deve essere decisamente respinto e contrastato.

Infine, il rapporto del Sorvegliante dei prezzi sulla pubblicità online in Svizzera ha attirato la nostra attenzione. Nell'ambito di un'osservazione del mercato, egli ha esaminato i cambiamenti nel mercato pubblicitario e ha rilevato che "la potente posizione di mercato di Google solleva interrogativi dal punto di vista della concorrenza". È sorprendente che questo rapporto abbia ricevuto finora poca attenzione. In ogni caso, lo terremo d'occhio.

In particolare, anche noi di KS/CS ci siamo occupati di questi temi:

- Dopo il rifiuto dell'iniziativa parlamentare 22.436 da parte del Consiglio nazionale in primavera, abbiamo lavorato su questi temi. Dopo che in primavera avevamo già ottenuto un successo per la pubblicità delle automobili, respingendo l'iniziativa parlamentare 22.436 della Consigliera nazionale Isabelle Pasquier-Eichenberger, nella sessione estiva appena conclusa abbiamo ottenuto che la pubblicità per i prodotti stagionali possa essere concepita in modo più flessibile (mozione 21.4161).

- Anche due postulati della città di Zurigo sono al centro della nostra attenzione: uno vuole vietare l'espansione degli spazi pubblicitari e l'altro vuole chiudere completamente gli spazi pubblicitari digitali sulla proprietà pubblica. Il Parlamento della città ha accettato entrambe le proposte e le ha sottoposte al Consiglio comunale.

Tutti questi temi continueranno a occuparci nei prossimi mesi. Presteremo poi particolare attenzione all'area "intelligenza artificiale e regolamentazione della pubblicità". Abbiamo già istituito un gruppo di lavoro su questo tema.


Rapporto Annuale 2022

1. Introduzione

Nel 2022, KS/CS Comunicazione Svizzera si è organizzata in modo tale da poter svolgere il suo compito principale in modo efficiente. Ciò riguarda non solo la ripartizione del lavoro nella Direzione, ma anche la collaborazione con il Regulation Committee, i singoli gruppi di lavoro e, in particolare, il gruppo parlamentare «Mercato e pubblicità».

Relativamente al sistema d’esame, l’esame per specialisti della comunicazione si è svolto correttamente. È stata avviata una cooperazione con PR Suisse per sviluppare ulteriormente l’esame dei responsabili della comunicazione.

2. Comitato

Il Comitato si è riunito in tre sedute che si sono tenute nuovamente in presenza. In tali occasioni, il Comitato è stato informato sullo stato di avanzamento dei lavori dell’associazione e si è espresso su singoli temi di attualità.

Anche l’Assemblea generale ha avuto luogo dal vivo a Berna il 12 maggio. Dopo aver discusso le questioni statutarie, il Presidente del gruppo parlamentare «Mercato e pubblicità», il Consigliere nazionale Gregor Rutz, ha presentato il lavoro del gruppo e la collaborazione con la Direzione di KS/CS. Inoltre, sulla base delle proposte presentate e trattate nel Parlamento svizzero, ha sottolineato la necessità del lavoro di KS/CS al fine di garantire la libertà di pubblicità e la tutela degli spazi pubblicitari. Il direttore dell’associazione Utenti Svizzeri Pubblicità Roland Ehrler ha poi presentato l’attuale statistica pubblicitaria dell’omonima fondazione.

3. Consiglio della Comunicazione

Per ragioni di economia del lavoro, il Consiglio svizzero della Comunicazione non è stato ancora costituito nell’anno in questione. La realizzazione di questo progetto è prevista per l’anno di esercizio in corso.

4. Direzione

Cinque persone lavorano nella Direzione (Presidente operativo, Responsabile Affari pubblici e Comunicazione, Servizio giuridico e Office, e da agosto 2022, un Responsabile Junior Affari Pubblici). Il settore finanziario è diretto da Matthias Zbinden (ZbindenZbinden Partner GmbH), affiancato da Christian Merk (membro del Comitato e tesoriere). Sebbene sia stato affittato uno spazio per la Direzione presso la Ernastrasse 22 (8004 Zurigo), KS/CS non dispone di una propria infrastruttura di uffici e svolge la propria attività prevalentemente tramite canali virtuali. I costi risparmiati vengono impiegati in unità di lavoro e servono quindi a gestire le nostre attività principali in modo più efficiente.

5. Finanze

Il bilancio del 2022 è positivo. È stato persino possibile costituire degli accantonamenti. Pertanto, le finanze di KS/CS sono stabili. Tale risultato è stato reso possibile dal rigoroso controllo dei costi e dalla focalizzazione di tutte le risorse finanziarie disponibili sull’attività principale dell’associazione. Tuttavia, sta diventando sempre più impegnativo mantenere l’attuale base dei membri e acquisirne di nuovi. Pertanto, è necessario attuare attività mirate a gestire e informare i membri. Maggiori informazioni in merito nel prossimo punto die questo resoconto.

6. Attività politiche e associative

KS/CS si concentra interamente sull’elaborazione posizioni contro le limitazioni di pubblicità o divieti di pubblicità. Tali iniziative esistono non solo a livello federale, ma sempre più anche a livello cantonale e comunale. Sotto pressione è soprattutto la pubblicità esterna, le cui concessioni vengono assegnate da città e comuni. Tuttavia, i precedenti costituiscono una minaccia che interessa l’intera Svizzera. Ecco perché queste iniziative vengono attentamente monitorate anche da KS/CS. In generale, in politica stiamo assistendo a un crescente bisogno di regolamentazione, spesso correlato a una perdita della libertà decisionale individuale. Uffici pubblici e gruppi cercano di imporre i propri programmi, a volte anche senza la necessaria base giuridica. KS/CS monitora tutte le iniziative e pianifica misure che tutelino la pubblicità in quanto manifestazione della libertà di espressione.

Il contatto con i partner premium di KS/CS viene gestito dal presidente e dai membri della Direzione. Questi partner sono inoltre strettamente coinvolti nel lavoro dell’associazione, con particolare riferimento alle varie questioni che li interessano direttamente.

7. Servizio giuridico e consulenza giuridica

Anche nell’anno in esame, il responsabile del servizio giuridico di KS/CS ha fornito numerose consulenze giuridiche telefoniche ai membri. Le oltre 150 richieste pervenute si riferivano a settori giuridici molto diversi. La legge contro la concorrenza sleale con i suoi divieti di inganno e di imitazione è stata anche nel 2022 il tema che ha destato il maggiore interesse. Sono diminuite invece le richieste di informazioni sugli obblighi di indicazione dell’efficienza energetica. Inoltre, è stata lanciata la serie di webinar «Pranzo giurudico». Nell’ambito di eventi della durata di un’ora ciascuno, nel 2022 sono stati discussi i seguenti temi: «Fondamenti di diritto pubblicitario», «Branding e diritto di marchio» e «Copyright».

8. Regioni

  • Svizzera tedesca (Christian Merk)

La commissione regionale si è riunita in diverse sedute, nelle quali ha discusso intensamente compiti e attività attuali e future. È stato adottato un documento orientativo che, oltre ad altri punti, definisce in modo più dettagliato l'interazione con l’organizzazione mantello: l’obiettivo principale è il supporto ottimale degli obiettivi di KS/CS Comunicazione Svizzera e la gestione dei membri nell’area della Svizzera tedesca. Grazie al rilancio di grande successo del "Talk in Mascotte" con il tema "La nuova legge sulla protezione dei dati in Svizzera - sfide per le PMI nel settore pubblicitario" è stato già fatto un primo passo in avanti; quasi 90 partecipanti molto interessati sono stati ben informati e sensibilizzati da relatori di alto livello. E, naturalmente, non è stata trascurata nemmeno la componente sociale nell’antico club al Bellevue di Zurigo.

I membri della commissione, che ben rappresentano il settore nella regione, garantiscono attraverso il loro impegno attivo uno scambio continuo e fondamentale di informazioni tra i membri e l’associazione mantello.

  • Svizzera romanda (Vincent Antonioli)

L’anno 2022 è stato caratterizzato da un ritorno quasi normale alle attività associative e dalla ripresa degli incontri con i nostri soci. La conferenza Allmedia si è svolta a gennaio 2022 in condizioni adeguate e ha riunito circa 120 specialiste/i della comunicazione in un evento che ci ha fatto sperare in un anno caratterizzato da dinamiche positive. Purtroppo, il nostro ottimismo è stato offuscato dalla guerra e dalla crisi energetica.

La Commissione regionale della Svizzera romanda ha naturalmente portato avanti la sua lotta contro l’iniziativa «Ginevra zero pubblicità» e contro qualsiasi altra proposta che potesse limitare la libertà di comunicazione.

Il team ha anche deciso di lanciare un progetto concreto per dimostrare la buona volontà del settore. A marzo sono state organizzate le cosiddette «Assises de la Communication», in cui è stata redatta una Carta per una comunicazione responsabile. Una buona occasione per riunire tutti i protagonisti della categoria professionale al fine di affrontare le sfide attuali e di certo anche future delle nostre professioni.

  • Svizzera Italiana (Jürg Bachmann)

Nell’anno in esame, le attività nella Svizzera italiana sono state coordinate dal membro del Comitato Maria Luisa Bernini. Maria Luisa Bernini si è concentrata principalmente sulla collaborazione con altre associazioni per poter esporre le posizioni di KS/CS anche nella Svizzera italiana.

9. Esami

Nel 2022, la commissione d’esame ha ulteriormente ottimizzato e digitalizzato i propri processi interni, un lavoro che verrà portato avanti anche nel 2023. Insieme all’associazione PR Suisse, è stato introdotto un nuovo regolamento d’esame per l’esame federale superiore per responsabili della comunicazione. La nuova commissione d’esame, con Dominik Leonhardt come presidente (KS/CS) e Corinne Druey come vicepresidente (PR Suisse), lavora intensamente allo sviluppo delle migliori condizioni quadro per le future candidate e i futuri candidati.

Complessivamente, nell’anno in questione, hanno partecipato all’esame federale di professione per specialiste e specialisti della comunicazione 111 candidate e candidati, di cui 71 hanno superato l’esame con successo. La consegna dei diplomi si è svolta all’Hotel Bellevue Palace di Berna. Vorremmo cogliere questa occasione per ringraziare anche i nostri sponsor: l’azienda Faber-Castell AG e l’associazione Utenti Svizzeri Pubblicità. Si è creata una buona collaborazione basata sulla partnership e particolarmente orientata alla clientela sia con la Segreteria di Stato per la formazione, la ricerca e l’innovazione (SEFRI), sia con gli istituti di formazione.

10. Ringraziamenti e prospettive

Infine, vorrei ringraziare tutti coloro che hanno sostenuto il lavoro di KS/CS nel 2022, e nello specifico:

  • tutti i membri di KS/CS, che con il loro contributo assicurano le fondamenta economiche per il lavoro dell’associazione;
  • tutti i partner premium che, oltre al loro impegno economico, accompagnano e sostengono il lavoro di KS/CS;
  • i membri del Comitato, nonché tutti i membri delle commissioni e dei gruppi di lavoro che, con i loro preziosi suggerimenti e argomentazioni, contribuiscono ad affinare e a comunicare le posizioni politiche di KS/CS;
  • il Presidente e i componenti del gruppo parlamentare «Mercato e pubblicità» per il loro impegno a favore della libertà di pubblicità;
  • tutte le associazioni amiche che contribuiscono a diffondere le posizioni di KS/CS;
  • il Presidente della Commissione d’esame, tutte le esperte e tutti gli esperti per la gestione oculata di questo importante incarico per la formazione dei giovani nel settore pubblicitario;
  • le collaboratrici e i collaboratori della Direzione per il loro straordinario impegno nella quotidiana implementazione degli scopi dell’associazione.

 

 

Zurigo, 11 aprile 2023                                      KS/CS Comunicazione Svizzera

Jürg Bachmann, Presidente

 

 

Personale

Comitato

  • Jürg Bachmann, Presidente KS/CS
  • Silvana Imperiali, Vicepresidente KS/CS, Gamned Schweiz, Direttrice
  • Vincent Antonioli, Debout sur la table, titolare
  • Marco Battaglia, Kommunikationsplan AG, consulente
  • Maria-Luisa Bernini, Swiss Communication Agency Sagl, titolare & CEO
  • François Besençon, SAWI Academy, Presidente del CdA
  • Siri Fischer, IGEM, Amministratrice delegata
  • Christine Gabella, Tamedia AG, membro della Direzione
  • Michael Hählen, in flagranti AG, CEO e partner
  • Roger Harlacher, Zweifel Pomy-Chips AG, Delegato del CdA / Presidente SWA
  • Pam Hügli, Serviceplan Suisse AG, CEO
  • Susanne Lebrument, Somedia-Gruppe, Delegata del CdA
  • Fabienne Leuenberger, Camille Bloch SA, Head of Marketing
  • Christian Merk, KS/CS, Responsabile finanze

Steering Board

  • Jürg Bachmann, Presidente KS/CS
  • Silvana Imperiali, Vicepresidente KS/CS, Gamned Schweiz, Direttrice
  • Vera Baldo-Tschan, KS/CS, Responsabile Affari Pubblici e Comunicazione
  • Vincent Antonioli, Debout sur la table, titolare
  • Maria-Luisa Bernini, Swiss Communication Agency Sagl, titolare & CEO
  • Pam Hügli, Serviceplan Suisse AG, CEO
  • Christian Merk, KS/CS, Responsabile finanze
  • Ekaterina Petrova, KS/CS, Office Management
  • Marc Schwenninger, KS/CS, Responsabile servizio giuridico

Regulation Committee

  • Marc Schwenninger, Responsabile servizio giuridico KS/CS, Presidente
  • Jürg Bachmann, Presidente KS/CS
  • Vera Baldo-Tschan, KS/CS, Responsabile Affari Pubblici e Comunicazione
  • Maria-Luisa Bernini, Swiss Communication Agency Sagl, titolare
  • François Besençon, SAWI Academy, Presidente del CdA
  • Roland Ehrler, associazione Utenti Svizzeri Pubblicità - SWA-ASA, Direttore
  • Philipp Kutter, Kutter Kommunikation, titolare, Consigliere nazionale
  • Christoph Marty, Clear Channel Schweiz AG, CEO
  • Catherine Purgly, Leading Swiss Agencies - LSA, Amministratrice delegata
  • Martin Radelfinger, Interactive Advertising Bureau Switzerland Associaton - IAB, Presidente
  • Leonie Ritscher, associazione economiesuisse, Responsabile di progetto Concorrenza e regolamentazione
  • Moritz Schneider, Meidaschneider AG, CEO
  • Daniel Sigel, Zürcher Oberland Medien AG, CEO
  • Karin Stöckli, Swisscom AG, Delegata Affari Pubblici
  • Verena Vonarburg, Ringier AG, Responsabile Affari Pubblici
  • Stefan Wabel, Verband Schweizermedien (VSM) Amministratore delegato
  • Andreas Zoller, Verband Schweizermedien (VSM), Coordinazione Affari Pubblici

Gruppo di lavoro Legge sui prodotti del tabacco (LPTab)

  • Marc Schwenninger, KS/CS, Responsabile servizio giuridico, Presidente
  • Jürg Bachmann, Presidente KS/CS
  • Vera Baldo-Tschan, KS/CS, Responsabile Affari Pubblici e Comunicazione
  • Caroline de Buman, PMI SA, Manager Regulatory Affairs
  • Roland Ehrler, associazione Utenti Svizzeri Pubblicità - SWA-ASA, Direttore
  • Martin Kuonen, Centre Patronal Bern, Direttore
  • Filippo Lombardi, KS/CS, Presidente onorario
  • Brenda Ponsignon, BAT Switzerland SA, Responsabile Corporate and Public Affairs
  • Leonie Ritscher, economiesuisse, Responsabile di progetto Concorrenza e regolamentazione
  • Jan-Philip Seger, BAT Switzerland SA, Engagement Manager
  • Kevin Suter, JT International AG, Director Corp. Affairs & Communication
  • François Thoenen, PMI SA, Director Corporate Affairs, membro della Direzione
  • Verena Vonarburg, Ringier AG, Responsabile Affari Pubblici
  • Stefan Wabel, Verband Schweizer Medien – VSM, Amministratore delegato
  • Andreas Zoller, Verband Schweizer Medien – VSM, Specialista Affari Pubblici

Gruppo di lavoro Alimentazione

  • Marc Schwenninger, KS/CS, Responsabile servizio giuridico, Presidente
  • Jürg Bachmann, Presidente KS/CS
  • Vera Baldo-Tschan, KS/CS, Responsabile Affari Pubblici e Comunicazione
  • François Besençon, SAWI Academy, Presidente del CdA
  • David Biernath, Direttore Marketing presso ALDI SUISSE
  • Roland Ehrler, associazione Utenti Svizzeri Pubblicità - SWA-ASA, Direttore
  • Davide Elia, Bell Group, Responsabile Corporate Marketing & Communication
  • Ensar Can, economiesuisse, Responsabile di progetto Politica economica e Formazione
  • Mike Huber, Schweizerischer Gewerbeverband, Responsabile di progetto Politica economica
  • Dagmar Jenni, Swiss Retail Federation, Amministratrice delegata
  • Hans Reutegger, Micarna Group, membro della Direzione
  • Babette Sigg Frank, Verband schweizerisches Konsumentenforum, Presidente
  • Andreas Zoller, Verband Schweizer Medien – VSM, Specialista Affari Pubblici

Gruppo parlamentare «Mercato e pubblicità»

  • Gregor Rutz, Consigliere nazionale/SVP (ZH), Presidente
  • Philippe Bregy, Consigliere nazionale e Presidente del gruppo parlamentare/Die Mitte (VS)
  • Erich Ettlin, Consigliere agli Stati/Die Mitte (OW)
  • Esther Friedli, Consigliera nazionale/SVP (SG)
  • Johanna Gapany, Consigliera agli Stati/FDP (FR)
  • Philipp Kutter, Consigliere nazionale/Die Mitte (ZH)
  • Nicolo Paganini, Consigliere nazionale/Die Mitte (SG)
  • Peter Schillinger, Consigliere nazionale/FDP (LU)
  • Werner Salzmann, Consigliere agli Stati/SVP (BE)

Commissione d’esame

  • Dominik Leonhardt, Presidente della Commissione d’esame, MICExperts
  • Vincent Antonioli, Debout sur la table, titolare, rappresentante Svizzera romanda
  • Pascal Chenaux, 2Communicate, Responsabile Marketing e Vendite, responsabile dell’esame per responsabili della comunicazione, Svizzera tedesca
  • Roland Ehrler, associazione Utenti Svizzeri Pubblicità SWA-ASA, Direttore, responsabile dell’esame per specialiste/i della comunicazione, Svizzera tedesca
  • Yves Epiney, Shareforce by HR&M, socio dirigente, responsabile dell’esame per specialiste/i della comunicazione, Svizzera romanda
  • Andy Hostettler, HH GmbH, titolare, Membro Comitato reclami
  • Erich Koller, Die Botschafter, Responsabile Produzione, membro della Direzione, visitatore
  • Ekaterina Petrova, KS/CS, Responsabile del Segretariato d’esame
  • Ivan Schultheiss, Outdoor Media AG, Account Director, Presidente Comitato reclami

Commissione regionale Svizzera tedesca

  • Christian Merk, KS/CS Comunicazione Svizzera, Presidente
  • Cornelia Aschmann, Texterverband, Amministratrice delegata
  • Alexander Duphorn, Goldbach Media (Switzerland), CEO
  • Ella Erogul, PEP Marketing Consulting GmbH, CEO
  • Claude Hitz, Ergo Communication GmbH, GF/Creative Director
  • Dominik Leonhardt, Presidente della Commissione d’esame, MICExperts
  • Ekaterina Petrova, KS/CS, Office Manager
  • Sandro Prezzi, PMC Prezzi Media GmbH, CEO/Fondatore 

Commissione regionale Svizzera romanda (Comitéé Romandie)

  • Vincent Antonioli, Debout sur la table, Fondatore & CEO, Presidente
  • Tiphaine Artur, RTS, Responsabile Comunicazione & Marketing
  • François Besençon, SAWI Lausanne, Membro del CdA
  • Nicolas Capt, 15, Cours des Bastions Avocats Sàrl, Partner fondatore
  • Olivier Chabanel, APG|SGA Société Générale d’Affichage SA, Direttore Partner
  • Fabian Delmonico, Audienzz SA, Managing Partner / CEO
  • Frédéric Dumonal, CREA école de création en communication SA, Direttore della Formazione Continua
  • Anne-Sophie Fioretto, Club de Communication du Valais, Presidente
  • Raoul Gerber, Goldbach Group AG, CEO f.f. / CCO
  • Aldina Kasper, Audienzz SA, Managing Partner / CEO
  • Vera Katz Presas, Dentsu Aegis Network, Direttrice Servizio Clienti
  • Thierry Kunstmann, ESH Media, Direttore Generale
  • Marine Lintanf, Vaudoise Assurances, Responsabile Progetti
  • Jéròme Marchal, Média One Contact SA, Direttore
  • Flavien Matthey, Swisscom SA, Responsabile Marketing
  • Frédéric Monthoux, Groupe SAWI, Docente specializzato
  • Patricia Orville, DO! L’agence SA, Associée, Account Director
  • Julian Pidoux, Philip Morris SA, Responsabile Comunicazione
  • Guillaume Roud, NestLé SA, Responsabile Comunicazione
  • Christian Vaglio-Giors, Neo Advertising SA, CEO
  • Vanessa Weill, CPG Club de Publicité et de Communication de Genève, Presidente
  • Frédéric Zamofing, FZ Activation Switzerland, Fondatore

Commissione regionale Svizzera italiana (Comitato Svizzera Italiana)

  • Maria-Luisa Bernini, Swiss Communication Agency Sagl, titolare e CEO
  • Marco Battaglia, Kommunikationsplan AG, consulente

Direzione KS/CS Comunicazione Svizzera

  • Jürg Bachmann, Presidente operativo
  • Vera Baldo-Tschan, Responsabile Affari Pubblici e Comunicazione
  • Marc Schwenninger, Responsabile servizio giuridico
  • Ekaterina Petrova, Office Management
  • Hendrik Fischer, Responsabile Junior Affari Pubblici

Numerose nuove proposte richiedono un grande impegno

Con tale iniziativa, il consiglio cittadino e quello comunale di Ginevra volevano vietare la pubblicità esterna nelle aree urbane, inclusa quella esposta nelle proprietà private se visibile dal suolo pubblico. Un piano estremamente antieconomico e pressoché inapplicabile. L’attuazione di tale piano è fuori discussione per ora. Stando alle prime dichiarazioni degli sconfitti, però, sembra che sia troppo presto per cantare vittoria. Anche in altre città e comuni le autorità pubbliche vogliono vietare o limitare la pubblicità. Le persone contrarie alla pubblicità sostengono che si dovrebbe consumare meno affinché possano essere raggiunti gli obiettivi climatici. Non vi è alcuna evidenza che una misura così radicale possa avere un’influenza positiva su questa questione indiscutibilmente seria e importante.

Noi di KS/CS Comunicazione Svizzera ci opponiamo con tutte le nostre forze a tali strategie educative, poiché siamo convinti che le persone maggiorenni sono capaci e in grado di prendere decisioni responsabili per se stesse e che non hanno alcun bisogno di “ripetizioni” statali e sociopolitiche.

Tuttavia, i primi mesi dell’anno preannunciano tempi turbolenti. Monitoriamo molto da vicino le proposte relative alla pubblicità che vengono presentate in Parlamento. Le pressioni sulla libertà di pubblicità e comunicazione sono in costante aumento. E questo ci mette in allarme. Infatti, chi è contro la pubblicità è anche contro la libertà di espressione e la libertà economica. Ed è quindi contro i diritti che la Costituzione ci garantisce. Diritti che costituiscono il fondamento della nostra democrazia. Tutto questo è inaccettabile.

La prossima grande questione che dovremo affrontare come associazione mantello per la pubblicità svizzera sarà probabilmente nel settore della legislazione alimentare. Dopo che il ministro tedesco per l’alimentazione ha annunciato la sua lotta allo zucchero e ad altri prodotti alimentari, purtroppo possiamo aspettarci iniziative simili anche in Svizzera: al momento, risultano già pendenti in Parlamento ben 13 proposte finalizzate a una limitazione della pubblicità nel settore alimentare. Sin da ora ne stiamo discutendo con le associazioni interessate e con l’industria, che molto ha già investito per migliorare i propri prodotti. Combatteremo con veemenza tutte le restrizioni e i divieti non necessari.

E infine, una notizia positiva. Con Com'ON, le nostre colleghe e colleghi della Svizzera romanda hanno organizzato a gennaio uno straordinario evento a Losanna incentrato sulla pubblicità. Numerose relatrici e relatori hanno illustrato il fascino della pubblicità. Come associazione, noi sosteniamo tutti coloro che lavorano nel settore pubblicitario. In quanto importante mezzo di informazione e comunicazione, la pubblicità deve continuare a godere della libertà necessaria e a poter sviluppare la sua produzione creativa al servizio dei consumatori.


Per una pubblicità libera, forte e responsabile!

Il Consiglio federale ignora la volontà del popolo e del Parlamento 
Il 31 agosto il Consiglio federale ha posto in consultazione la revisione della legge sul tabacco. Ciò si è reso necessario dopo che la popolazione svizzera si è espressa a favore della cosiddetta Iniziativa sul tabacco il 13 febbraio. Molti parlamentari e anche noi di KS/CS siamo rimasti sorpresi nel constatare che il Consiglio federale sembra perseguire una propria agenda su proposte che vanno ben oltre le disposizioni della legge sui prodotti del tabacco e dell'iniziativa. Una tale mancanza di rispetto della volontà del Parlamento e della popolazione è del tutto inaccettabile. KS/CS non solo lo ha subito comunicato pubblicamente, ma ha anche reagito, insieme a numerose parti interessate, con un parere negativo.

Zero pubblicità a Ginevra 
Sebbene sia una delle forme di pubblicità più apprezzate, la pubblicità esterna è soggetta a crescenti pressioni politiche. L’opposizione ai cartelloni pubblicitari, in particolare quelli elettronici, ha origine soprattutto nei comuni. Il divieto totale della pubblicità esterna verrà votato a Ginevra il 15 marzo 2023. KS/CS Svizzera romanda si oppone a questa legge e sostiene, nell’ambito della campagna referendaria, i gruppi che si sono espressi contro il referendum. Sfortunatamente, un referendum contrario a un simile divieto non è stato attuato a Vernier, città vicinissima a Ginevra. Anche a Berna e Zurigo, le opzioni pubblicitarie pubbliche dovrebbero essere limitate o vietate. Tutto questo va sempre a scapito della libertà di informazione e della trasparenza economica nell'interesse dei consumatori, e KS/CS continuerà a impegnarsi ovunque contro tali iniziative.

Protezione dei dati 
Da quando è noto che la normativa svizzera in materia di protezione dei dati entrerà in vigore nel settembre 2023 completamente revisionata, anche in Svizzera l’attuazione della protezione dei dati ha catturato una maggiore attenzione. La commissione regionale per la Svizzera tedesca di KS/CS, in collaborazione con IAB Switzerland, ha organizzato un evento informativo presso la Mascotte di Zurigo, riprendendo così una tradizione dell'associazione. La presenza di tante persone e le considerazioni di esperti competenti hanno evidenziato che sono ancora molte le domande in attesa di risposta nell'ambito della legge sulla protezione dei dati, domande che impegneranno KS/CS anche in futuro.

Cosa deve e cosa può fare la pubblicità?
Anche l'associazione mantello delle organizzazioni di autoregolamentazione (EASA) con sede a Bruxelles si occupa del ruolo della pubblicità. A Madrid, ha approvato una dichiarazione in cui si postula l’esigenza che la pubblicità contribuisca a risolvere i problemi attuali della società. Una tale visione è decisamente discutibile e riguarda anche noi di KS/CS. KS/CS è del parere che la pubblicità abbia una responsabilità sociale e, tuttavia, presuppone anche un'immagine più rispettosa delle libertà dell'uomo. Pertanto, sostiene che la responsabilità dell’individuo, per quanto possibile, non possa essere limitata , e che gli interventi regolatori dello Stato siano opportuni solo se il bene comune viene messo in serio pericolo. KS/CS continuerà quindi a occuparsi della dichiarazione EASA e dei postulati in essa contenuti.

Dossier 
Oltre a quello sul tabacco, abbiamo recentemente aperto anche un dossier sui temi “nutrizione/zuccheri” e “lotterie/Legge federale sui giochi in denaro”. Tali dossier traggono sempre spunto da interventi parlamentari, che vengono trattati con attenzione da KS/CS e rielaborati con raccomandazioni finalizzate a una regolamentazione del settore pubblicitario responsabile e liberale.

Interventi 
Negli ultimi mesi, l'attività di KS/CS si è focalizzata in particolar modo sui seguenti interventi

  • 20.3113 - mozione Christ sulla pubblicità nelle cassette postali
  • 22.436 - iniziativa parlamentare Pasquier-Eichenberger per la pubblicità dei veicoli a motore
  • 21.4498 - postulato Fivaz sulla pubblicità online personalizzata
  • 22.4162 - interpellanza Michaud Gigon sul tema del greenwashing

Prospettive 
La pubblicità è diventata una questione chiave nel dibattito politico. Restrizioni normative e divieti costituiscono una minaccia da diversi punti di vista. Spesso si dimentica che in Svizzera esiste un diritto costituzionalmente garantito alla pubblicità che non può essere limitato in assenza di valide ragioni o semplicemente sulla base di una determinata visione del mondo. KS/CS continuerà a fare tutto ciò che è in suo potere per promuovere una regolamentazione del settore pubblicitario che consenta alle aziende di comunicare e che assicuri ai consumatori un’informazione aperta e trasparente.


Rapporto Annuale 2021

1. Introduzione

L'anno 2021 è stato caratterizzato da una focalizzazione dei compiti associativi e dall'adeguamento della struttura dirigenziale di KS/CS Comunicazione Sviz zera. È stata inoltre rielaborata la strategia di base relativa al sostegno per avere il minor numero possibile di divieti pubblicitari.

Durante la primavera, la Task Force guidata da Peter Felser, ha proposto diverse misure per portare l’associazione a concentrarsi sui temi principali e a ridimensionare la strut tura gestionale di KS/CS. Il Consiglio della comunicazione ha approvato il pacchetto il 12 marzo 2021 e ha dato il via libera ai corrispondenti adeguamenti della strategia, del Consiglio e dell'organizzazione.

In occasione dell'Assemblea generale del 7 maggio 2021, i membri hanno approvato questi cambiamenti strutturali ed eletto il nuovo Consiglio Direttivo e Jürg Bachmann come nuovo Presidente dell'Associazione. I membri hanno nominato il Presidente pre cedente, Filippo Lombardi, quale Presidente onorario.

Date le condizioni quadro, il resto dell'anno è stato dominato dall'effettivo compito principale di KS/CS, ovvero il lavoro politico e normativo per ottenere buone condizioni quadro per l'industria pubblicitaria. Allo stesso tempo, la direzione è stata riorganiz zata.

2. Comitato

Durante l’anno d’esercizio, il nuovo Comitato esecutivo si è riunito tre volte; le riunioni del 2 luglio e del 24 agosto si sono svolte online a causa della situazione pandemica, quella dell'11 novembre 2021 invece, che si è tenuta a Lucerna, si è svolta in modo ibrido. Durante tutte le riunioni il Comitato ha trattato i suoi affari statutari. In autunno, ha approvato il bilancio 2022. Nella parte tecnica, sono state discusse e determinate le posizioni dell'associazione sull'iniziativa "Fanciulli senza tabacco" e il pacchetto dei me dia.

3. Consiglio della Comunicazione

Il Consiglio della Comunicazione si è chinato in particolare sulla riorganizzazione di KS/CS, preparata e avviata dal Comitato e dalla task force di cui sopra.
Con i nuovi statuti, approvati dall'Assemblea Generale il 7 maggio 2021, il Consiglio della Comunicazione avrà una nuova funzione come organo consultivo del Comitato esecutivo. Il nuovo Consiglio della Comunicazione sarà eletto dal Comitato durante l'anno in corso di modo che possa assumere i suoi compiti il più presto possibile.

4. Direzione

Anche a livello di Direzioni ci sono stati dei cambiamenti a livello di personale:
- il 1.5.2020 Ursula Gamper ha dimissionato dalla sua funzione di Direttrice; - Marlene Gonçalves, che gestiva il segretariato degli esami, ha lasciato KS/CS il 30.11.2020;
- la Segretaria Generale, Sarah-Lee Keller ha lasciato KS/CS a fine luglio 2021; - Thomas Meier, che da alcuni anni si è occupato della comunicazione di KS/CS ha lasciato l’attività associativa a fine 2021.

A tutti loro va il nostro ringraziamento per l’impegno profuso negli anni per KS/CS. At tualmente le seguenti persone sono attive presso la Direzione:

- Ekaterina Petrova ha ripreso i compiti di Office Manager e Responsabile del segre tariato degli esami a partire dal 1.12.2020;
- Vera Baldo-Tschan ha ripreso ad agosto i compiti di Content Managerin e respon sabile della comunicazione ;
- L’avv. Marc Schwenninger, fino ad oggi consulente giuridico, ha assunto la funzione di responsabile del servizio giuridico di KS/CS;
- Jürg Bachmann lavora quale presidente operativo con il team.

I membri della direzione si ritrovano ogni lunedì, congiuntamente a Christian Merk (re sponsabile finanze), per discutere delle pendenze.
Lo Steering Board si incontra ogni lunedì per una seduta.

5. Finanze

Dopo la riorganizzazione, le finanze di KS/CS si sono sviluppate e consolidate in modo positivo. Abbiamo registrato un utile operativo prima delle imposte di CHF 5'952.94; questa situazione reddituale deve essere ulteriormente rafforzata per raggiungere l'o biettivo a medio termine di costituire un solido capitale proprio dall'attività operativa. Insieme all'iscrizione dell'attivo di bilancio proveniente dal bilancio di liquidazione dell'ex sezione della Svizzera tedesca (vedi sezione Regioni), l'associazione ha raggiunto nel 2021 un utile annuo di CHF 45'290.22; il capitale proprio ammonta quindi a CHF 57'571.24 a fine 2021. Oltre alla razionalizzazione delle spese, l'associazione si concen tra sulla garanzia e sull'ampliamento della base delle entrate.

6. Attività politiche e associative

Ancora durante la fase di ristrutturazione dell'associazione, la scorsa primavera, è stato creato il Regulation Commitee che è composto da rappresentanti dei premium partner e delle associazioni amiche, questo comitato si occupa di tutte le questioni politiche rilevanti sulla base del monitoraggio di Marc Schwenninger. Le aree tematiche più im portanti, come la legge sui prodotti del tabacco o alimentazione, sono riunite in gruppi di lavoro separati.

Questi gruppi sono responsabili in particolare del controllo dei lavori parlamentari. Non appena l'agenda politica lo richiede, vengono formati nuovi gruppi di lavoro specifici per argomento.

È stato inoltre costituito un nuovo gruppo parlamentare ‘Mercato e Pubblicità’ che è presieduto dal Consigliere nazionale Gregor Rutz. Il gruppo attualmente è composto da 9 parlamentari di entrambi i Consigli e da vari gruppi parlamentari, regioni e commis sioni. La prima riunione ha avuto luogo il 7 dicembre 2021 a Berna. Per il futuro sono previsti un pranzo durante ogni sessione estiva e invernale, così come ulteriori incontri durante l'anno e secondo le necessità. Prima delle sessioni, i membri del gruppo parla mentare ricevono dei documenti con le posizioni associative e delle proposte.

Marc Schwenninger, responsabile dell’ufficio legale, partecipa regolarmente alle se dute dell’European Advertising Standards Alliance (EASA) che ha sede a Bruxelles, cosa che ci permette di essere costantemente informati sugli sviluppi del settore a livello europeo.

7. Servizio giuridico e consulenza giuridica

Anche durante questo anno, il Capo del servizio giuridico di KS/CS ha fornito ai membri una grande quantità di consulenze giuridiche telefoniche. Le oltre 200 richieste riguar davano aree molto variegate del diritto. Spesso si è richiesto di valutare se un mezzo di comunicazione fosse ingannevole o ingiusto. Gli obblighi fiscali sull'energia per i veicoli a motore ecc. sembrano ancora causare difficoltà. Sono state ricevute anche diverse richieste di informazioni relative all’uso della croce svizzera. L'ordinanza sull'indica zione dei prezzi è apparsa un po' meno frequentemente nelle statistiche di quest'anno che negli anni precedenti.

8. Regioni

KS/CS è trilingue e presente in tutte le regioni del Paese. Per semplificare la struttura e la collaborazione, l'Assemblea Generale ha deciso l'anno scorso di sciogliere le associa zioni regionali e di lavorare di nuovo con le Commissioni regionali. Questo processo è funzionando in modo eccellente.

I presidenti delle commissioni regionali riferiscono dalle regioni:

8.1. Svizzera tedesca (Christian Merk)

Durante l’anno in questione si è verificato un evento molto eclatante per l'ex associa zione della sezione KS/CS Svizzera tedesca: essa è stata formalmente liquidata e l'orga nizzazione è stata completamente integrata nell'associazione mantello. Ciò comprende anche il trasferimento dell'attivo di bilancio al bilancio di KS/CS Svizzera. Fino alla liqui dazione, la sezione ha condotto la sua attività abituale.

Questo processo ha un'importanza storica maggiore in quanto la sezione della Svizzera tedesca di KS/CS era il successore legale della precedente organizzazione mantello Pub blicità Svizzera!

8.2. Romandie (Vincent Antonioli)

L'anno 2021 è stato ovviamente pesantemente colpito dalle ondate della pandemia e dall'assenza di eventi locali e regionali. Per la prima volta dopo anni, il nostro evento di punta, Allmedia, non si è potuto tenere.

Le attività si sono quindi concentrate sulla creazione della nuova organizzazione di KS/CS Comunicazione Svizzera e sullo sviluppo della sezione francofona in una commis sione regionale per la Svizzera francese, composta da circa 20 membri.

La lotta per difendere gli interessi del settore è continuata, in particolare nel contesto dell'iniziativa "Ginevra zero pubblicità", che è stata accettata dal Consiglio comunale della città di Ginevra. È stato necessario riunire gli attori locali e regionali con l'obiettivo di lottare contro il regolamento che attua la suddetta iniziativa per evitare che il risul tato si diffonda in tutto il paese.

In termini di organizzazione, sono stati fatti degli aggiustamenti all'interno della Com missione d'esame. Una nuova squadra è stata formata per assicurare che gli esami per il Certificato federale di specializzazione in comunicazione si tengano in francese, con la nomina di Yves Epiney come direttore degli esami.

8.3. Svizzera Italiana (Maria Luisa Bernini)

L’anno trascorso ha visto la sezione di KS/CS Svizzera italiana impegnata nella creazione della nuova struttura associativa. La situazione pandemica ha reso necessaria la crea zione di nuove piattaforme divulgative e ci ha, purtroppo, obbligato a ridurre gli incon tri con gli associati. Gli interventi presso l’amministrazione cantonale e la collabora zione con l'associazione consorelle ci hanno permesso di superare un momento nel quale la comunicazione classica poteva essere solo ridotta ma ha permesso di soste nere con crediti le aziende dei nostri affiliati.
KS/CS si è impegnata attivamente nel sostegno delle votazioni federali con interventi mirati e apparizioni televisive, radiofoniche e a mezzo della stampa scritta. Restano vivi l’interesse e l’impegno nel sostenere la libertà nella pubblicità nonostante l’esito delle votazioni. KS/CS continuerà ad impegnarsi al fine di promuovere i bisogni del settore pubblicitario, dei suoi attori, delle sue aziende e della pluralità dei mezzi di comunica zione. Saremo lieti di poter incontrare i nostri soci a breve e di riprendere gli incontri in presenza.

9. Commissione d’Esami

Il Comitato di KS/CS Comunicazione Svizzera ha nominato nella sua seduta del 24.8.2021 una nuova Commissione d’esame. Dominik Leonhardt è stato nominato Pre sidente di questa commissione. Un ulteriore cambiamento della gestione degli esami di specialisti della comunicazione è stata effettuata nella Svizzera romanda. Yves Epiney è ora responsabile di questa regione. Ringraziamo il precedente direttore, Michel Re pond, per i suoi molti anni di sostegno ai candidati della Svizzera francese.

Durante l’anno sociale ben 99 candidati hanno sostenuto l'esame professionale fede rale in comunicazione, 51 dei quali hanno superato l’esame con successo. 14 candidati hanno inoltre partecipato all'esame professionale federale superiore per manager della comunicazione; 13 candidati hanno superato l'esame. Dopo l'annullamento a causa della pandemia, la cerimonia di diploma per i diplomati del 2020 e 2021 potrebbe te nersi nel gennaio 2022 in un ambiente decoroso. Vorremmo anche cogliere l'occasione per ringraziare gli sponsor dei premi per i due migliori laureati di ogni anno, Faber-Ca stell AG per il materiale di scrittura e Jelmoli AG per i buoni regalo.

La collaborazione con il SEFRI è ottimale e collaborativa ma è anche esigente, cosa che giova alla formazione delle candidate e die candidati.

10. Ringraziamenti e prospettive

Ringraziamo vivamente chi ha sostenuto l’attività di KS/CS anche durante questo im portante anno, nello specifico:

- I Premium partnern per il supporto finanziario e la collaborazione attivo; - Tutti i soci di KS/CS per il sostegno e l’accompagnamento del lavoro associativo; - Le associazioni consorelle e amiche: SWA, LSA, VSM e economiesuisse per l’impor tante collaborazione;
- I membri del gruppo parlamentare ‘Mercato e pubblicità’ per l’interesse dimo strato per le posizioni di KS/CS ed il loro impegno attivo.

Per quest’anno in corso, il lavoro sarà continuato nel senso sopra descritto, sempre con l'obiettivo di garantire condizioni quadro giuridiche ottimali per tutte le aziende e le agenzie, nonché i dipendenti dell'industria pubblicitaria, che permetteranno loro di la vorare in modo creativo, innovativo e di successo.

Zurigo, 29 marzo 2022 KS/CS Comunicazione Svizzera Jürg Bachmann, Presidente

Personale

Comitato

- Jürg Bachmann, Presidente KS/CS
- Silvana Imperiali, Vice-Presidente KS/CS, Gamned Schweiz, Direttrice
- Vincent Antonioli, Debout sur la table, titolare
- Marco Battaglia, BMine Consulting, titolare
- Maria-Luisa Bernini, Swiss Communication Agency Sagl, titolare & CEO - François Besençon, SAWI Academy, Presidente CdA
- Siri Fischer, IGEM, Amministratore delegato
- Christine Gabella, Tamedia AG, membro della Direzione
- Michael Hählen, in flagranti AG, CEO e Partner
- Roger Harlacher, Zweifel Pomy-Chips AG, Delegato del CdA / Presidente SWA - Pam Hügli, Serviceplan Suisse AG, CEO
- Susanne Lebrument, Somedia-Gruppe, Delegato del CdA
- Fabienne Leuenberger, Camille Bloch SA, Head of Marketing
- Christian Merk, KS/CS, Responsabile finanze

Steering Board

- Jürg Bachmann, Presidente KS/CS
- Silvana Imperiali, Vice-Presidente KS/CS, Gamned Schweiz, Direttrice
- Vera Baldo-Tschan, KS/CS, Responsabile Comunicazione & Content Management - Vincent Antonioli, Debout sur la table, titolare
- Maria-Luisa Bernini, Swiss Communication Agency Sagl, titolare & CEO - Pam Hügli, Serviceplan Suisse AG, CEO
- Christian Merk, KS/CS, Responsabile finanze
- Ekaterina Petrova, KS/CS, Office Management
- Marc Schwenninger, KS/CS, Responsabile servizio giuridico

Regulation Committee

- Marc Schwenninger, Responsabile servizio giuridico KS/CS, Presidente
- Jürg Bachmann, Presidente KS/CS
- Vera Baldo-Tschan, KS/CS, Responsabile Comunicazione & Content Management - Maria-Luisa Bernini, Swiss Communication Agency Sagl, titolare & CEO - François Besançon, SAWI Academy, Presidente CdA
- Roland Ehrler, Schweizer Werbeauftraggeber-Verband - SWA-ASA, Direttore - Philipp Kutter, Kutter Kommunikation, Titolare, Consigliere nazionale - Christoph Marty, Clear Channel Schweiz AG, CEO
- Ekaterina Petrova, KS/CS, Office Manager
- Catherine Purgly, Leading Swiss Agencies - LSA, Direttrice
- Martin Radelfinger, Interactive Advertising Bureau Switzerland Associaton - IAB, Presidente
- Leonie Ritscher, Verband economiesuisse, collaboratrisce scientifica - Daniel Sigel, Zürcher Oberland Medien AG, CEO
- Verena Vonarburg, Ringier AG, Head of Public Affairs
- Andreas Zoller, Verband Schweizermedien - VSM, Koordination Public Affairs
Gruppo di lavoro Legge sui prodotti del tabacco (LPTab)
- Marc Schwenninger, KS/CS, Responsabile servizio giuridico KS/CS, Presidente - Jürg Bachmann, Presidente KS/CS
- Caroline de Buman, PMI SA, Manager Regulatory Affairs
- Roland Ehrler, SWA-ASA, Direttore
- Martin Kuonen, Centre Patronal Berna, Direttore
- Filippo Lombardi, KS/CS, Presidente onorario
- Brenda Ponsignon, BAT Switzerland SA, Corporate and Public Affairs - Leonie Ritscher, economiesuisse, collaboratrice scientifica
- Jan-Philip Seger, BAT Switzerland SA, Engagement Manager
- Kevin Suter, JT International AG, Director Corp. Affairs & Communication - François Thoenen, PMI SA, Director Corporate Affairs, Mitglied der GL - Verena Vonarburg, Ringier AG, Head of

Public Affairs

- Stefan Wabel, Verband Schweizermedien – VSM, Direttore
- Andreas Zoller, Verband Schweizermedien – VSM, Specialista Public Affairs e co municazione Gruppo di lavoro carne e alimentazione
- Marc Schwenninger, KS/CS, Responsabile servizio giuridico KS/CS, Presidente - Jürg Bachmann, Presidente KS/CS
- Vera Baldo-Tschan, KS/CS, responsabile Comunicazione & Content Management - Maria-Luisa Bernini, Swiss Communication Agency Sagl, titolare e CEO - François Besançon, SAWI Academy,

Presidente CdA

- Roland Ehrler, Schweizer Werbeauftraggeber-Verband SWA-ASA, Direttore
- Davide Elia, Bell Group, Capo Corporate Marketing & Communication - Can Ensar, economiesuisse, Capoprogetto politica economica e formazione - Mike Huber, sgv-usam, Capoprogetto politica economica
- Dagmar Jenni, Swiss Retail Federation, Direttrice
- Ekaterina Petrova, KS/CS, Office Manager
- Hans Reutegger, Micarna Group, GL Membro
- Babette Sigg, Verband Schweizerischer Konsumentenforum, Presidente
- Andreas Zoller, Verband Schweizermedien – VSM, Specialista Public Affairs e Co municazione Gruppo parlamentare ‘Mercato e Pubblicità’
- Gregor Rutz, Consigliere nazionale/SVP (ZH), Präsident
- Philippe Bregy, Consigliere nazionale /Die Mitte (Fraktionschef) (VS) - Erich Ettlin, Consigliere agli Stati /Die Mitte (OW)
- Esther Friedli, Consigliera nazionale/SVP (SG)
- Johanna Gapany, Consigliera agli Stati/FDP (FR)
- Philipp Kutter, Consigliere nazionale /Die Mitte (ZH)
- Nicolò Paganini, Consigliere nazionale /Die Mitte (SG)
- Werner Salzmann, Consigliere agli Stati/SVP (BE)
- Peter Schillinger, Consigliere nazionale /FDP (LU)

Commissione d’esame

- Dominik Leonhardt, Presidente della Commissione d’esame, MICExperts - Vincent Antonioli, Debout sur la table, titolare, rappresentante Romandie - Pascal Chenaux, 2Communicate, Responsabile del marketing e delle vendite, Re sponsabile dell'esame di comunicazione, Svizzera tedesca
- Roland Ehrler, Associazione svizzera dei pubblicitari SWA-ASA, Direttore, Respon sabile dell'esame specialisti della comunicazione, Svizzera tedesca
- Yves Epiney, Shareforce by HR&M, socio dirigente, Responsabile dell'esame spe cialisti della comunicazione, Svizzera ovest
- Andy Hostettler, HH SPA, Proprietario, Membro Comitato Reclami - Erich Koller, Die Botschafter, Capo della produzione, membro della direzione dell'a genzia, Visitatore
- Ekaterina Petrova, KS/CS, Responsabile segretariato d’esame
- Ivan Schultheiss, Outdoor Media AG, Account Director, Capo Comitato per i reclami Commissione regionale Svizzera tedesca
- Christian Merk, KS/CS Comunicazione svizzera, Responsabile
- Cornelia Aschmann, Texterverband, Direttore Generale
- Alexander Duphorn, Goldbach Media, CEO
- Ella Erogul, PEP Marketing Consulting SPA, CEO
- Claude Hitz, Ergo Communication GmbH, GF/Creative Director
- Dominik Leonhardt, Präsident der Prüfungskommission, MICExperts
- Sandro Prezzi, PMC Prezzi Media GmbH, CEO/Fondatore Commissione regionale Svizzera romanda (Comitéé Romandie)
- Vincent Antonioli, Debout sur la table Sàrl, Founder & CEO, Presidente - Tiphaine Artur, RTS, Directrice Communication & Marketing
- François Besençon, SAWI Lausanne, VR-Mitglied
- Nicolas Capt, 15, Cours des Bastions Avocats Sàrl, Founding Partner
- Olivier Chabanel, APG|SGA Société Générale d’Affichage SA, Directeur Partner - Fabian Delmonico, Romandie Network SA, Managing Partner / CEO - Frédéric Dumonal, CREA école de création en communication SA, Directeur de la Formation Continue
- Anne-Sophie, Fioretto Club de Communication du Valais, Présidente - Raoul Gerber, Goldbach Group AG, Stv. CEO / CCO
- Aldina Kasper, Romandie Network SA, Managing Partner / CEO
- Vera Katz Presas, Vizeum Switzerland AG - Dentsu Aegis Network, Client Service Director
- Thierry Kunstmann, Impactmedias SA, Directeur General
- Marine Lintanf, Vaudoise Assurances, Responsable projets
- Jéròme Marchal, Média One Contact SA, Directeur
- Flavien Matthey, Swisscom SA, Marketing Manager
- Frédéric Monthoux, Groupe SAWI, Enseignant spécialisé
- Patricia Orville, DO! L’agence SA, Associée, Account Director
- Julian Pidoux, Philip Morris SA, Head of Communications
- Guillaume Roud, Agence Trio SA, Copywriter & PR Manager
- Christian Vaglio-Giors, Neo Advertising SA, CEO
- Vanessa Weill, CPG Club de Publicité et de Communication de Genève, Presidente - Frédéric Zamofing, FZ Activation Switzerland, Founder Commissione regionale Svizzera di lingua italiana (Comitato Svizzera Italiana)
- Maria-Luisa Bernini, Swiss Communication Agency Sagl, titolare und CEO - Marco Battaglia, BMine Consulting, titolare Direzione KS/CS
- Jürg Bachmann, Presidente operativo
- Vera Baldo-Tschan, Responsabile Comunicazione & Content Management
- Christian Merk, Responsabile finanze
- Ekaterina Petrova, Office Management
- Marc Schwenninger, Responsabile servizio giuridico

Stato aprile 2022